GP Italia di Formula 1 30/08-01/09/2024

RAPPORTO DI GARA | F1 Bahrain 2023

La Red Bull non poteva iniziare meglio la nuova stagione di F1. Verstappen ha vinto davanti a Pérez. La storia della gara è stata scritta da Alonso, che è arrivato terzo e ha conquistato il podio. La Ferrari ha motivo di essere preoccupata. Leclerc si è ritirato per un difetto tecnico.

Alle 18:00 ora locale, ha preso il via in Bahrain l'atteso primo Gran Premio di F1 della stagione. La pole position è stata conquistata dal campione in carica Verstappen nelle qualifiche. Dietro di lui Pérez, Leclerc, Sainz, Alonso, Russell, Hamilton, Stroll, Ocon, Hülkenberg, Norris, Bottas, Chou, Cunoda, Albon, Sargeant, Magnussen, Piastri, De Vries e Gasly.

Leclerc e la Ferrari avevano già attirato l'attenzione del pubblico prima dell'inizio della gara. Ma non nel modo in cui avrebbero voluto. Infatti, la monoposto di Monacan era stata sottoposta a un cambio precauzionale della batteria e a una nuova elettronica di controllo. Le prime modifiche sono state apportate senza alcuna penalità.

Strategia a due soste consigliata da Pirelli

Prima della gara, Pirelli ha dichiarato che la strategia più veloce era quella a due soste. I piloti dovevano partire con il set morbido, poi passare al set duro (giri 14-20) e quindi tornare al set morbido (giri 35-42).

La temperatura dell'aria prima della partenza era di circa 28 gradi. Tuttavia, quando il sole è tramontato prima della partenza, era chiaro che la temperatura sarebbe scesa durante la gara. La temperatura dell'aria era di 32 gradi.

Quasi tutti hanno scelto un set di pneumatici morbidi per la partenza. C'è stata solo un'eccezione. Si trattava di Magnussen. Il danese montava una mescola dura. Si prevedeva un primo stint lungo.

Nel corso del primo giro, Stroll ha avuto un momento interessante. Il canadese è uscito di pista alla curva 10. Si trattava di capire fino a che punto le sue recenti ferite dovute a un incidente in moto lo avrebbero limitato. Si trattava di capire quanto le recenti ferite riportate in seguito a un incidente in moto lo avrebbero limitato.

Dopo la partenza, Verstappen ha mantenuto il primo posto. Ma Pérez era preoccupato. Era stretto tra le due Ferrari. Alla fine, Leclerc era secondo. Pérez era terzo e Sainz quarto. L'inizio della gara non è andato bene per Alonso. Lo spagnolo è scivolato al settimo posto dietro le due Mercedes. È stato passato prima da Hamilton e poi da Russell. L'Aston Martin ha avuto un grosso spavento al primo giro. Stroll si è scontrato con Alonso alla quarta curva e c'è stato un contatto. Entrambi sono rimasti illesi. C'è stato anche un contatto tra Ocon e Hulkenberg.

Verstappen ha aumentato il suo vantaggio in testa. Al quinto giro, aveva più di tre secondi di vantaggio su Leclerc. Pérez era a sei decimi da Leclerc. Il monegasco ha frenato alla prima curva del quinto giro. Il giro più veloce della gara è stato realizzato da Russell al sesto posto.

La Commissione d'inchiesta ha esaminato l'incidente tra Alonso e Stroll. La Commissione ha concluso che non saranno comminate sanzioni.

Verstappen ha continuato a staccare Leclerc. All'ottavo giro il distacco era di cinque secondi e mezzo. Russell stava inseguendo Hamilton ed è uscito di pista alla curva 10. Ha detto al suo ingegnere che era più veloce di Hamilton. 

L'errore di Russell ha permesso ad Alonso di ridurre il distacco a meno di un secondo. Verstappen ha lamentato il bloccaggio delle ruote posteriori in fase di sottosterzo. Gasly è stato il primo a recarsi dai meccanici alla fine del nono giro. Ha montato le gomme dure.

Alonso aumenta la pressione su Russell. Cunoda e Norris sono stati i prossimi a rientrare ai box. Verstappen aveva ora quasi otto secondi di vantaggio su Leclerc. L'olandese ha fatto registrare il giro più veloce della gara.

I commissari sportivi hanno aperto un'indagine su Ocon. Il francese è stato sospettato di essere partito dal lato sbagliato della griglia. Il francese era nono in quel momento e aveva la gara in pugno.

Al 13° giro, Russell ha finalmente ceduto ad Alonso. Sebbene fosse ancora in lizza sul rettilineo d'arrivo, lo spagnolo aveva già vinto la battaglia fianco a fianco attraverso le curve 4-6. Hamilton era già fuori strada e si stava recando a montare le gomme dure.

Un giro dopo Hamilton, anche Leclerc e Sainz sono passati alle gomme nuove. Anche loro sono passati alla mescola dura. Piastri ha segnalato problemi con il cambio. La McLaren ha cercato di cambiare sia il volante che gli pneumatici durante il pit stop. Ci è voluto molto tempo. Per l'ex campione FIA di F3 e Formula 2 non è stato un buon inizio di carriera in F1.

Anche Verstappen e Alonso sono rientrati ai box per montare pneumatici nuovi. L'olandese ha montato un set più morbido ed è sceso brevemente al secondo posto dietro Perez. Alonso ha difeso la sua posizione davanti a Russell.

Nel frattempo, i problemi di Piastri non potevano essere risolti. La gara è finita per l'australiano. Ocon ha ricevuto una penalità di cinque secondi per una cattiva posizione in griglia.

Al 16° giro, Pérez era l'unico in pista senza fermarsi. Verstappen era secondo, Leclerc terzo, Sainz quarto e Hamilton quinto. Gli strateghi dell'Alfa Romeo hanno fatto gli onori di casa spostando Bottas al sesto posto. Alonso è sceso al settimo posto e Russell all'ottavo. Anche Stroll e Albon erano nella top ten. Il tailandese è stato uno dei due piloti a continuare con la mescola più morbida per la seconda tappa. È stato raggiunto dal compagno di squadra Sargeant.

Non ci è voluto molto perché Alonso superasse Bottas. Ha superato il finlandese sul rettilineo prima della curva quattro. Un giro dopo, Russell ha attaccato il pilota dell'Alfa Romeo. È riuscito a passare Bottas nello stesso punto di Alonso. Il pilota della Mercedes aveva appena stabilito il giro più veloce della gara.

Gli eterni pneumatici di Checo Pérez

Pérez si è finalmente fermato ai box. Era di nuovo in terza posizione, ma aveva un vantaggio su Leclerc in seconda. Come i piloti della Williams, ha scelto di rimanere con le gomme morbide.

La sofferenza della McLaren continua. Norris ha avuto problemi al motore ed è rientrato ai box per la seconda volta. Comprensibilmente, è sceso al 19° posto.

Bottas ha perso un'altra posizione all'inizio del 20° giro. È stato superato da Stroll.

Le cose si sono complicate anche per Ocon. Il pilota alpino è sceso al 18° posto durante i pit-stop, dove ha dovuto spendere cinque secondi in più a causa di una penalità. Come se non bastasse, i commissari hanno sospettato che non avesse scontato correttamente la penalità.

Pérez ha sfruttato le gomme morbide. Ha fatto un giro dopo l'altro, staccando Leclerc. Al 23° giro, il distacco tra i due era inferiore a due secondi. Verstappen, invece, aveva un vantaggio di 11 secondi.

Ocon ha ricevuto un'ulteriore penalità di dieci secondi per una penalità mal scontata. Il francese è retrocesso al 19° posto. È stato superato da Norris.

Pérez aveva già il fiato sul collo di Leclerc. Alla prima curva del 26° giro era già definitivamente in seconda posizione. Sebbene il monegasco abbia cercato di superarlo e abbia accennato a un attacco alla curva 4 (nonostante Pérez avesse il vantaggio del DRS sul rettilineo precedente), i suoi sforzi sono stati vani e il pilota della Red Bull ha iniziato a staccarsi nei metri successivi. Il secondo posto era il massimo che Pérez potesse sperare. Verstappen aveva già 14 secondi di vantaggio.

I problemi di Ocon non sono finiti. Il pilota alpino è stato indagato per eccesso di velocità nella corsia dei box durante il suo secondo pit stop. È stato penalizzato di cinque secondi. Norris ha continuato ad avere problemi al motore.

Hülkenberg ha faticato dopo aver danneggiato l'ala anteriore nelle fasi iniziali. L'ha sostituita al secondo pit stop. Una volta tornato in pista, è riuscito a fare il giro più veloce nonostante le gomme dure.

Alla seconda sosta, i piloti di punta hanno iniziato ad arrivare. Hamilton è stato il primo. Il sette volte campione non era contento, ma la Mercedes temeva che Alonso potesse arrivare davanti a lui e poi superarlo.

Sainz e Russell lo seguono a breve distanza. Il pilota della Mercedes non poteva essere soddisfatto del suo ritorno. Si è ricongiunto a Stroll, ma il canadese ha approfittato delle gomme calde per passare Russell. Stroll ha poi fatto segnare il giro più veloce della gara.

Leclerc è rimasto davanti a Sainz dopo il suo secondo pit stop. Alonso è passato al terzo posto. Lo spagnolo continuava ad andare forte, cercando di colmare il divario da Hamilton. I due hanno fatto registrare tempi simili, ma Hamilton è stato leggermente più veloce.

Un giro dopo, Alonso si è fermato ai box, così come Pérez. Alonso non è riuscito a superare Hamilton. Pérez non ha avuto problemi a tenere il passo di Leclerc, nonostante qualche piccolo problema di assetto delle ruote. Aveva un vantaggio di nove secondi.

Alonso, con gomme nuove, si stacca da Hamilton. Verstappen, nel frattempo, è stato l'ultimo pilota a effettuare una seconda sosta. Naturalmente, è rimasto primo quando è rientrato.

Alonso ha fatto il giro più veloce

Alonso ha fatto segnare il giro più veloce nel tentativo di prendere Hamilton, e poi ha superato Hamilton alla quarta curva. Lo ha preceduto per un breve periodo, ma ha avuto una sbandata in uscita, di cui Hamilton ha approfittato per risalire al quinto posto. Ma la battaglia non era ancora finita.

I successivi tentativi di Alonso sono arrivati al 38° giro. Per prima cosa, Alonso ha segnalato un attacco alla prima curva. Ma non è riuscito a ottenere più di un accenno alla quarta posizione. Così l'ordine è rimasto invariato per un po'. Ma poi Alonso ha sorpreso Hamilton con un attacco all'interno alla curva 10. Poiché era ancora dietro a Hamilton prima della zona di rilevamento, avrebbe potuto utilizzare il sistema DRS sul rettilineo.

Ma Alonso non riesce a staccarsi. Un giro dopo, Hamilton era a meno di un secondo da Alonso e ha cercato di tenerlo a bada. Ma lo spagnolo è riuscito comunque a ridurre il vantaggio del connazionale Sainz.

Sembrava che il podio fosse più o meno deciso. Ma al 41° giro c'è stato un fulmine a ciel sereno. La vettura di Leclerc ha perso potenza all'uscita della curva 13 e la gara è finita per il monegasco. È stato chiamato il pit stop virtuale.

Albon, Gasly, Cunoda, Sargeant, Magnussen e Hülkenberg hanno deciso di rischiare e di utilizzare un set morbido durante il rallentamento virtuale. Gli altri sono rimasti in pista.

La gara è ripartita alla fine del 41° giro. La battaglia tra Sainz e Alonso è diventata improvvisamente una battaglia per il terzo posto.

Avvertendo un'opportunità, Alonso ha fatto indietreggiare Sainz. Ocon ha deciso di porre fine alla sua sofferenza e si è ritirato. Gasly ha sfruttato le gomme morbide per fare il giro più veloce della gara. Il francese si è classificato nono.

La battaglia tra Sainz e Alonso è continuata. La Ferrari ha chiesto a Sainz di provare a difendere la sua posizione. Ma Sainz temeva che, se avesse spinto troppo, le sue gomme non avrebbero resistito fino alla fine. Il primo attacco è avvenuto alla curva 4 al 45° giro, ma Sainz ha mantenuto la posizione. L'occasione successiva si è presentata alla curva 10, ma Sainz l'ha sfruttata. Ma alla curva 11 era troppo vicino al suo connazionale e Alonso è passato al terzo posto.

Alonso ha iniziato subito a staccarsi da Sainz. Sainz, invece, ha dovuto affrontare l'assalto di Hamilton. Tuttavia, il pilota della Mercedes si è poi rilassato.

Hülkenberg ha superato i limiti della pista e gli è stata inflitta una penalità di cinque secondi. Ma era 16°, quindi non aveva molta importanza.

Verstappen non è stato più minacciato in testa e ha conquistato la vittoria. Pérez ha sottolineato il buon inizio di stagione della Red Bull con il secondo posto. Alonso ha superato Sainz di quasi dieci secondi per salire sul podio per la prima volta dal GP del Qatar del 2021. Stroll, nonostante un infortunio, ha battuto Russell per iniziare la stagione al sesto posto. Albon ha sorpreso con un punto per il decimo posto.

Per qualsiasi informazione contattateci. Siamo a vostra disposizione all’indirizzo:

info@F1Italy.com


ticket gp logo

2024 © F1ITALY.COM
Termini e condizioni

Informazioni

Consegna gratuita

Pagamenti sicuri e protetti

Buoni regalo

Biglietto Print@home

Pagamento

Abbiamo stabilito partnership con circuiti, organizzatori e partner ufficiali. Poiché non collaboriamo direttamente con il proprietario delle licenze di Formula 1, è necessario che includiamo la seguente dichiarazione:

This website is unofficial and is not associated in any way with the Formula 1 companies. F1, FORMULA ONE, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, GRAND PRIX and related marks are trade marks of Formula One Licensing B.V.

Website by: HexaDesign | Update cookies preferences